AAA cercasi commissario Figc

settembre 19, 2006

Il Coni ha accettato le dimissioni di Guido Rossi. Finisce male un rapporto iniziato nella stima e nella reciproca protezione. Del resto sia il presidente Petrucci che il ministro Melandri avevano fatto capire a Rossi che la presidenza della Telecom era incompatibile con la Federcalcio.

Le indicazioni di Petrucci – “Sceglieremo una persona con caratteristiche non contigue al mondo del calcio” dice il presidente del Coni Petrucci. “Il processo del calcio non è finito – ha aggiunto Petrucci – Riscrivere le regole non significa dimenticare una brutta pagina che va superata con i fatti. E a chi dirà che in questo modo si vuole insabbiare tutto, risponderò sempre che non è vero”.

Albertini si candida. Si è dimesso insieme a Guido Rossi, ma ora si dice disposto a continuare il suo lavoro nella Figc. L’ex centrocampista del Milan Demetrio Albertini ha lanciato un messaggio di apertura al Coni e si è candidato per ricoprire una carica importante nei prossimi mesi.


In una nota, l’ex mediano rossonero ha annunciato di essere pronto a dare il suo contributo nel momento difficile seguito all’addio di Rossi.”Rimetto il mio mandato a disposizione del Coni per valutare insieme le condizioni e le modalità di prosieguo del progetto – scrive Albertini -. Sono disponibile a seguire la fase di transizione nello spirito di servizio verso il calcio e lo sport italiano”.

L’appello della Melandri. Il ministro per le Attività giovanili e le Politiche sportive Giovanna Melandri ha invece auspicato che Guido Rossi non lasci del tutto il calcio per salvaguardare il processo di riforma del mondo del pallone. “Sono convinta che vi siano ancora i margini per trovare una buona soluzione che consenta al professor Rossi di rimanere comunque ispiratore e garante delle riforme in atto – ha commentato -. Il processo avviato lo scorso mese di maggio con il commissariamento della Federcalcio non può essere interrotto. La posta in palio è troppo alta per rimettere tutto in discussione o per dannose battute d’arresto”.

Intanto, secondo alcune voci dell’ultima ora, in realtà Rossi non avrebbe mai rassegnato le proprie dimissioni. La vicenda si complica a tal punto che anche Donadoni potrebbe decidere di dimettersi visto che è stato lo stasso Rossi a nominarlo ct. Chi ci capisce è bravo.

Per la cronaca, il grande baraccone del calcio nn si ferma: stasera c’è la serie B con la Juve che va a Crotone.

Via Repubblica.it 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: