Vivere con 500 euro al mese

aprile 13, 2007

Il lavoratore che ha guadagnato di più in Italia nel 2006 si chiama Carlo, e la sua busta paga annuale è stata di 18 milioni 860 mila euro. Quello che ha guadagnato di meno potrebbe esser passato per il suo stesso ufficio, al piano più alto di Pirelli-Telecom, ma in ore assai mattutine: 6,51 euro l’ora, per quelle poche ore che servono a lucidare pavimenti, buttare cartacce e spolverare scrivanie. Ma il ‘pulitore’ è solo uno dei tanti pezzi del mosaico dell’Italia a basso reddito: di quelli che un lavoro ce l’hanno, ma guadagnano assai poco, meno del vecchio ‘milione’. Perché per 500 euro al mese in Italia si fanno tante cose…(continua a leggere sull’Espresso)

Annunci

7 Responses to “Vivere con 500 euro al mese”

  1. Miseria Says:

    Sono una di quelle persone che gira Roma a svuotare cestini, a lucidare pavimenti ecc.. per 500 € al mese. Ho 39 anni, divorziata con un figlio adolescente. Pago un affitto, pago le bollette (quando posso) e quando non ce la faccio vado a bussare da mamma e papà per elemosinare 20 € per la spesa o gli mollo sul tavolo cercando di evitare i loro sguardi stremati qualche bolletta che non può piu’ aspettare.
    Un paio di scarpe acquistate circa quattro anni fa sono ai miei piedi sia d’estate che d’inverno.Domani è la festa del lavoro o dei lavoratori, mi chiedo se i lavoratori come me che sopravvivono con 500 € al mese, che non hanno nemmeno il diritto d’ammalarsi o di stare accanto a un figlio che non sta bene, quei lavoratori come me che rischiano il posto se disgraziatamente facendosi male al pronto soccorso affermano tale realtà,mi chiedo appunto se anche loro come me domani sentiranno questa festa la loro festa/la nostra festa. Si, domani si parlerà di lavoro , sentirò alla tv o leggerò sui quotidiani che le famiglie non ce la fanno a vivere con 2000 € al mese…….. E pensare che quando iniziai a fare questo lavoro, era il 1999 guadagnavo circa 1.200.000 £, riuscivo a pagare tutto e alla fine del mese avevo anche la soddisfazione di ritrovarmi qualche soldo per una pizza o per portare al mare mio figlio cosa che da tre anni non facciamo più. Al diavolo il mare, al diavolo anche il parrucchiere o altri sfizi ma quello che più logora insieme al fatto di stare a dare la caccia ai centesimi dentro le tasche per permettermi un caffè quando alle 6 del mattino arrivo a Roma mi fa un male cane l’umiliazione che stò subendo in questi anni di sacrosanta povertà.
    Poi magari accendo la tv e cosa ti vedo: dive o divette che sfogiano i loro guardaroba con decine paia di scarpe che a malapena avranno messo una volta,le senti vantarsi delle loro vacanze (meritate) dall’altra parte del mondo, interviste fatte a chissà chi che con sfacciatagine affermano davanti a una telecamera che i loro figli hanno come paghetta settimanale dai 100 ai 200 € a dir poco.
    Pensate cosa si prova a frugare nelle tasche del proprio figlio la mattina alle 4 prima di andare a lavoro mentre lui dorme e cercare come una ladra qualche centesimo.

    Cmq vada domani sarà anche la mia festa.

  2. carla barzacca Says:

    Ho una figlia a carico , sono separata e il io ex marito non paga da circa un anno la quota di mantenimento .
    Non ho lavoro e quindi non ho reddito. Ho dovuto vendere la mia
    casa per mantenerla. Dopo 20 anni di lavoro l’ufficio dell’impiego non ha lavoro per me. Mi dicono che non esperienza lavorativa.
    Nel condominio dove abito ci trattano malissimo , rumori assordanti
    dal piano soprastante e dai vicini. Si lamenta lei!

  3. Miseria Says:

    Carissima Carla… permettimi di chiamarti come un’amica…
    racconto a te questa storiella e a chi avrà il coraggio di leggerci:
    tempo fa, quando ancora andavo ad umiliarmi ad elemosinare un lavoro o un sussidio presso il sindaco del posto dove vivo questo mi illuse promettendomi un posto di lavoro presso un ingrosso di alimentari di prossima apertura qui in zona.
    Non si sarebbe trattato di un favoritismo ma semplicemente un aiuto ad una persona che in quel momento ( come ora ) versava in gravi difficoltà economiche. Dovevo essere la prima ad essere chiamata a lavorare e io aspettavo fiduciosa fin quando questo centro commerciale aprì i battenti ma io non avevo ricevuto alcuna chiamata.
    Resami conto della triste realtà andai a “ringraziare” questo sindaco.. Non dimenticherò facilemnte quell'(uomo) imbarazzatissimo davanti ai miei occhi. In quel momento messa da parte la mia timidezza lo fissai negli occhi e gli dissi un :”grazie di cuore per quello che hai fatto per aiutarmi, grazie per quel posto al centro commerciale..” nell’imbarazzo riuscì a dirmi che non sono stata contatta perchè HO SUPERATO I 29 ANNI e quindi non potevo essere assunta!!
    Nonostante sia orgogliosa della mia Italia mi vergogno di quei pochi piccoli, piccolissimi individui che si sono presi la briga di governarci.
    Che siate di destra o di sinistra a me non interessa, ciò che vi chiedevo ogni volta che mi chiamamavate a votare era onestà e senso sociale ma chi permette che un uomo o una donna superati i trenta anni non debba più avere una opportunità di lavoro non ha anima figuriamoci quindi senso sociale.
    Si parla molto dei ricchi sempre più ricchi e naturalmente dei poveri sempre più poveri ma.. se ne parla soltanto, soltanto chiacchiere per riempire spazi nei quotidiani o nei Tg, la realtà è triste ma concreta: a nessuno interessa veramente e concretamente dare una mano, una spinta a noi “poveri”. Infondo non chiediamo i vostri soldi ( cosa ci farete poi con tutto quello che affannosamente e pulsivamente andate ad accumulare..) tenete strette le vostre ville sparse qua e là per il mondo, le vostre auto che comprate per sfizio soltanto perchè vi fanno apparire. E si carissima Carla ecco il vero problema di chi accumula accumula denaro: devono apparire, devono mantenere quello status di benestanti se non di più per essere temuti e riveriti, coccolati e vezzeggiati . Porterei questi uomini e queste donne per una settimana a lavorare con me a lavare scale e a pulire wc.. una settimana con un datore di lavoro che vuole licenziarti ma che non ha il coraggio di farlo perchè sà che non può farlo, un datore che vuole metterti in condizioni di licenziarti da solo/a e per raggiungere questo scopo ti stà dietro mentre lavi sei, sette piani di scale ripetendo fino all’ossessione:” dai sbrigati.. sei lenta…. in un’ora devi fare tutto..”. Chi mi conosce mi dice di mandarlo a quel paese, non sai quante volte ero tentata di farlo poi però mi sono detta : ” Ho quaranta anni e non 29 dove troverei un’altro lavoro? ”
    Così ho stretto i denti, mi sono sorbita i miei incubi notturni dove mi vedevo su quelle maledette scale da lavare e dove c’era sempre quel datore di lavoro che mi minacciava di licenziarmi se non finivo il mio lavoro nei tempi stabiliti e nelle modalità da lui pretese.

    Ma nonostante ciò e tant’altro che non ho la possibilità di dire in questo spazio non mi arrendo non posso permettermelo quindi vado avanti con l’unico mezzo che Dio mi ha dato: la mia mente e la mia anima, loro mie alleate mi indicano la strada da intraprendere e anche se non ci saranno risultati sperati almeno sarò grata a loro di avermi dato la forza di aver fatto sentire la mia voce anche attraverso strumenti come questo pc.

  4. Anna Says:

    Ringrazio le persone che hanno scritto le loro testimonianze cosicché io le abbia potute leggere. Esprimo solidarietà per le vicende narrate ed assaporo con amarezza l’impotenza che mi assale. Spero che anche chi di competenza abbia modo di dare un’occhiata a quanto voi avete scritto e pensare che forse per questo Paese in povertà qualcosa vada fatto, per i suoi cittadini, ovviamente.

  5. Miseria Says:

    Ripasso per questo spazio per aggiornare chi leggerà (spero che qualcuno si degni almeno di leggere).
    Aggiorno il mio stipendio ad un anno circa dal mio ultimo intervento.
    L’ultima busta paga di febbraio sentenziava che a pari ore lavorative del 2007 oggi percepisco la stratosferica cifra di € 423.
    Ci tengo a precisare che l’impresa di pulizie per cui lavoravo ha chiuso e dato in subappalto tutti i lavori ad una cooperativa.
    La situazione va precipitando,altri lavori non se ne trovano.
    I signori politici ai quali chiedevo almeno una risposta, un chiarimento in merito al fatto che in Italia c’è chi è sempre più ricco e gente che sta facendo la fame nel vero senso della parola mi ignorano,oramai il mio indirizzo di posta lo conoscono a memoria e gli basta quello per cestinarmi.
    Va bene così.. tra otto giorni andrò a votare e non immaginate con quanta rabbia, quanta amarezza e quanto sconforto vado a mettere la mia X su quelle schede elettorali.
    Si, sento che il partito delle “X” sarà una realtà il 13 e il 14 aprile.. infondo perchè votare se poi le cose non cambiano o se cambiano mai per noi poveri cristi e se qualcosa cambia anche per noi non è mai per il meglio.

    423 con cui pagarci i 210 € dell’affitto, i 100 e passa di bolletta telefonica, i 175 del gas e gli 85 della bolletta elettrica.
    E si,ho sforato e non ho tenuto conto della finanziaria fatta per pagare la caldaia: altri 34 €.
    Sono riuscita a pagare l’affitto ed una bolletta.. le altre scadute sono ancora qui davanti a me. Il frigo abbaglia per il bianco che risalta quando lo apro, questo mese non ho potuto comprare neanche i beni indispensabili per me e mio figlio.

    Grazie, grazie di cuore a chi ha trascinato me e migliaia di famiglie come la mia in questo baratro.

  6. Giax Says:

    Ciao Miseria, ho letto i tuoi messaggi. Mi piacerebbe molto poter parlare con te. Come faccio a contattarti? Un caro saluto Giax

  7. Disoccupata Says:

    noi viviamo in 2 con 500 euro al mese.Pagando affitto acqua luce e medicine,perchè lui è invalido e io disoccupata.A chi mi devo rivolgere per non andare sotto un pone?Finora nessuno ci ha aiutati.Ciao a tutti. Disoccupata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: